Google+ Followers

Tuesday, June 12, 2007

So di per certo che due giorni fa un uomo, dopo essere stato coricato sul divano per due giorni consecutivi a vedere la tv, è stato ricoverato poichè la sua gamba era diventata a fiori.
Gli stessi fiori del copridivano.

Fresco sogno

I sogni perdono colore nella notte, raggi di luce sfumano dai nostri pensieri e si appoggiano sulle pareti delle camere, sui sedili dei treni, delle auto.
Sbiadisce il senso si realtà costruito dopo anni di esercizio, lampi di colore ci straniano.
Le ombre di quando eravamo bambini.
Qualche scampolo di sogno ricompare in tarda serata e tiene tutto legato, sventolante, fresco ed eterno. Tutto presente contemporaneamente.

Wednesday, June 06, 2007

Parte un post

Parte un post. Gira l'angolo, gli corro dietro, ma non lo vedo già più, sparito.
Avevo un mucchietto di parole in tasca, a casa le avevo riempite di significato, prima di andare a letto, ieri sera, le avevo incartate nella stagnola con cura.
Arrivo in ufficio, mi siedo: nelle tasche ci sono soltanto più frammenti di cose già dette, sparpagliate, appallottolate, briciole e polvere.
Afferro la lucertola e si stacca la coda.
Fuori dalla montagna di marmo, dove arrivano tubi di alluminio fumanti a vomitare persone, un baffuto signore in ciabatte mi ha sussurrato: "Sigarieta", gli ho chiesto se voleva una sigaretta, no, mi vuole vendere una stecca di Malboro rosse ucraine. Magari ci guadagna più di me e sta pure all'aria aperta.
Tutti i post sfuggiti ai padroni sono all'inizio dell'arcolbaleno.
Ci sono persone che incontri al mattino che luccicano, si meritano proprio di essere felici e si capisce benissimo.