Google+ Followers

Wednesday, December 18, 2013

Teorie cospiratorie

Un mio amico e collega di Roma considera valide quasi tutte le teorie cospiratorie in circolazione: dal fatto che Rothschild decida le sorti del mondo, al fatto che gli americani si siano auto bombardati le torri gemelle, ed è anche convinto che tutti i terremoti e le catastrofi naturali in costante crescita siano pianificate sempre e comunque gli Stati Uniti. 

Mi trovo d'accordo su alcune cose, quantomeno intrigata dalla possibilità di una realtà diversa.

Certamente non si sa tutto sulle torri gemelle, però dal beneficio del dubbio all'inamovibile assunzione che gli americani si siano auto bombardati passa un po' di differenza.
Quando ci sono dei tempi morti a lavoro ci infiliamo in interminabili discussioni sui massimi sistemi, neanche decidessimo le sorti del mondo. Adoro contraddirlo, per il semplice gusto di farlo, ciononostante spesso mi fa rimettere in discussione fatti che tendiamo a considerare oggettivi.
Di questi tempi sono molte le persone che credono ai siti di contro informazione, informazione alternativa e robe simili per partito preso, come altri considerano verità inconfutabili le notizie riportate dai quotidiani. 
Per quanto riguarda i quotidiani per lo meno possiamo conoscere le fonti delle notizie, le scelte politiche, a volte sibilline e ingannevoli, però almeno possiamo risalire ai nomi, possiamo indagare. Su internet si trovano notizie sul signoraggio, sul gruppo Bildeberg, sulla Federal Reserve, e chi più ne ha più ne metta, e le fonti sono spesso opache, scarse, sconosciute, inesistenti. Non parliamo di quelli che fanno giornalismo tramite i blog. Santo chi ha inventato il blog, ma sino a prova contraria chiunque può inventarsi teorie e attaccare istituzioni e persone.  
Comunque quando è successo il tragico alluvione in Sardegna di recente, il mio collega mi ha chiesto senza esitazione: "Secondo te chi è stato?"
Secondo lui era impossibile che accadesse un fenomeno metereologico del genere in Sardegna.
"Ci sono di mezzo gli americani mi ha detto" e per soddisfare la mia sete di prove e fonti mi ha inviato un link dove si spiegava degli esperimenti degli americani volti a modificare le condizioni meteorologiche.  Link di dubbia provenienza. Sicuramente gli esperimenti esistono, ma l'alluvione in Sardegna?
Perché mai?


7 comments:

  1. già.. perché mai il signoraggio viene tirato sempre in ballo sia dai complottari sia dagli anticomplottari? mi par un osso da conquistare (o far mollare, almeno, all'altro).. bah.. perché non parlate, parlando di mala informazione e idioti senza speranza che so'.. di MAFIA?! chissà quanti dicono puttanate sulla MAFIA ma nessuno li attacca mai. e la malasanità?! quanti dicono castronerie sulle motivazioni che rendono la sanità malasanità?! perché questi non vengono redarguiti? perché su quanti pontificano, che so, sull'ECOLOGIA e/o l'inquinamento e/o il traffico e/o la religione non viene posta 'sta lente di ingrandimento che ponete (VOANDRI) su QUELLIDELSIGNORAGGIO©?!

    Perché mai??

    qualcosa non torna..

    una cosa potrebbe essere che VOANDRI non avete studiato il signoraggio.. no?!

    ReplyDelete
  2. Per quanto mi riguarda mi piacerebbe saperne di più sul signoreggio, come su tante altre teorie e notizie che di solito si trovano nei siti di contro informazione, nei blog, sui social network e compagnia bella.
    Con il post volevo semplicemente evidenziare il fatto che sopratutto in rete esiste spesso un problema di fonti di informazione. È stupendo che internet sia come una piazza virtuale dove tutti possono dire la loro, ma al contempo bisogna stare all'occhio, perché come al bar o in piazza c'è pure quello che le spara grosse o che si inventa delle storie o le gonfia per attirare l'attenzione.
    Non so chi intende per VOANDRI, comunque io il signoreggio non l'ho studiato e mi piacerebbe saperne di più, ma soltanto se le FONTI di informazione sono chiare.
    Lei me ne sa dare?

    ReplyDelete
    Replies
    1. già il mio logo, seppur piccino (non facciamo una questione dimensionale, giusto?), potrebbe aiutarti.. ma x logica: se non ci si può fidare di internet e se c'è questo scoop del "pensate con la vostra testa!!11!!" allora perché dovresti dare retta a un mio link piuttosto che a google o a un tuo altro amico/nemico/conoscente/anonimo ??

      Delete
  3. Signoraggio chiaramente...signoreggio, mannaggia, mi è scivolato un tasto....

    ReplyDelete
    Replies
    1. succede.. il bias di (s)conferma è terribile..

      Delete
  4. Ho visto nei tuoi vari blog che scrivi parecchio di signoraggio, il fatto che le banche centrali guadagnino su ogni singola banconota non è fantascientifico ed è stato dimostrato varie volte, ci credo, non ho bisogno di fonti perché ce ne sono parecchie. Il mio post voleva semplicemente ed ironicamente evidenziare che forse nel bombardamento mediatico e virtuale se volgiamo farci un'idea il più possibile chiara ed oggettiva dobbiamo considerare e paragonare il tutto, quindi leggere blog, siti di contro informazione, ma ache riviste, quotidiani, me sopratutto verificarne sempre le fonti.
    Per esempio leggo il tuo blog e mi confermi sul signoraggio cose che ho già letto. Sul tuo profilo non c'e' nulla a parte il nome, e questo ci sta. Una volta citi la fonte di Repubblica, spesso non citi fonti, bibliografie, ecc...
    Tutto questo ci sta ed io penso con la mia testa, per questo anche quando leggo il tuo blog o ascolto il mio collega metto sempre tutto un discussione prima di accettare informazioni a caso come oro colato.

    ReplyDelete
  5. più che altro scrivo SOLO di signoraggio ma evidentemente non troppo bene dato che ti ho trasmesso la figura della banconota come fulcro dello male!! la banconota è un tipo di MONETA ed è sulla MONETA che grava il signoraggio di IGB. ti invito a studiare ancora.

    ps: che non metto i link è FALSO. lì dove non li trovi è perché, evidentemente, sono articoli che ho creato (dal nulla), oppure perché talmente diffusi che non vale la pena. sul Forum PRIMITivo ci sono tutte le fonti accademiche.

    ciao.

    ReplyDelete